Perdita dei capelli: cause. Modi per perdere i capelli

Se c’è una parte del corpo a cui tutti, donne e uomini, sono particolarmente affezionati, specie quando ormai li abbiamo persi, sono i capelli. Avere una chioma bella, folta e ben curata è forse il primo indice visibile che la persona gode di ottima salute. E’ fisiologico e fa parte del normale ciclo di rigenerazione del corpo perdere una certa quantità di capelli al giorno (normalmente fino a un centinaio), ma può capitare in alcune situazioni di lasciarne attaccati sulla spazzola molti di più. 

Potrebbe non essere grave, magari solo un periodo particolarmente stressante, ma è bene prestare attenzione a questi segnali che il corpo ci invia per evitare problemi più gravi in futuro. Di seguito proveremo a capire intanto perché è fisiologico perdere un po’ di capelli ogni giorno e quali sono le situazioni che mettono più a rischio la nostra chioma.

Perdita dei capelli cause. Modi per perdere i capelli

Il ciclo di vita del capello

Contrariamente a quello che accade nelle altre specie che hanno una muta periodica (in determinati periodi dell’anno viene perso contemporaneamente tutto il manto della stagione precedente e sostituito con uno nuovo), nell’uomo il capello ha un ciclo vitale di tipo asincrono: ciò significa che il ricambio è spalmato durante tutto l’anno (anche se si possono osservare dei picchi soprattutto nei periodi di passaggio da stagione calda a stagione fredda e viceversa).

Tre sono le fasi della vita di un capello, di durata diversa:

  1. Anagen: La prima fase, che potremmo anche definire di crescita, è quando si sviluppa il capello e raggiunge la sua lunghezza massima. Normalmente l’80% della nostra chioma si trova in questa fase, che può durare mediamente per gli uomini dai due ai cinque anni e per le donne tra i tre e i sei.
  2. Catagen: Arrivati a questo punto il follicolo (una specie di sacca all’interno della quale si sviluppa il pelo o il capello) inizia a smettere di fornire nutrimento al suo ospite (cessa la sua attività mitotica). Questa fase dura normalmente dai sette ai ventuno giorni ed è difficile osservarla: solo l’1% della nostra chioma è in catagen.
  3. Telogen: Il follicolo si ritira in fase di riposo per circa tre mesi, durante i quali da un lato il capello, che non riceve più alcun nutrimento, viene spinto in superficie fino a che non cade, sostituito già con molta probabilità da uno nuovo in fase anagen. In genere il restante 19 – 20% della nostra chioma si trova in questa modalità.

Principali cause della perdita di capelli

Si può facilmente dire che i nostri capelli siano il principale specchio sulla salute generale del nostro corpo: problemi di natura endocrina, stili di vita non corretti e particolari malattie possono portare ad una alterazione del ciclo di vita del capello (generalmente accorciando la fase anagen e allungando quella telogen) anche in maniera definitiva. Per questo è bene, quando notiamo una caduta di capelli più abbondante del solito, è bene prestarvi particolare attenzione.

Principali cause della perdita di capelliNormalmente quando parliamo di disturbi ormonali ci riferiamo ad alterazioni della produzione di androgeni (tra cui il testosterone), che vanno ad influire pesantemente su quello che è il normale ciclo del follicolo. Non sempre ci troviamo in presenza di una patologia di tipo endocrino, ma se sospettiamo qualcosa è bene sempre rivolgersi al medico competente, in questo caso il tricologo, che normalmente è un dermatologo o un endocrinologo con specializzazione in tricologia. A volte queste alterazioni sono fisiologiche: accade ad esempio di frequente negli uomini tra i quaranta e i cinquant’anni, ma anche nelle donne in gravidanza o in menopausa.

Uno stile di vita regolare, seguire una corretta alimentazione e usare i giusti prodotti nella cura del corpo (e a maggior ragione dei capelli) sono tutti aspetti fondamentali se vogliamo evitare di perdere la nostra capigliatura prima del tempo. Non c’è bisogno che mi soffermi troppo sui primi due punti, le classiche indicazioni di base di tutti i medici in qualsiasi campo si trovino a operare, ma è bene spendere qualche parola in più proprio sulla routine di bellezza di corpo e capelli.

In commercio si trovano decine, forse centinaia di prodotti dalle proprietà ufficialmente miracolose, ma che in realtà sono fatti con derivati di materie tossiche (come il petrolio) che alterano profondamente (e a lungo andare in maniera irreversibile) le normali caratteristiche di pelle e capelli. Se dal punto di vista endocrino è tutto regolare, non ci sono particolari errori o stravolgimenti nello stile di vita, iniziate a pensare che potrebbero essere proprio quei prodotti la causa della caduta più abbondante dei vostri capelli. Normalmente (e fortunatamente) basta solo sospenderne l’utilizzo e passare a rimedi più naturali per ottenere immediati benefici non solo estetici, ma anche di salute.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui