Obesità: cause, trattamento, consequenze

Non è mai facile parlare di obesità. Per molti si tratta semplicemente di uno stile di vita sbagliato, ma in realtà per la comunità scientifica e per la nostra società questo è ormai un disturbo cronico. 50 anni fa, nessuno avrebbe mai pensato che l’obesità sarebbe stata classificata come una malattia. Eppure, ormai è un problema reale, che molti dottori ogni giorno cercano di eliminare.

Obesità cause, trattamento, consequenze

Per determinare se un caso di sovrappeso rischia di sfociare presto in obesità, bisogna calcolare il cosiddetto BMI, o Massa di Grasso Corporeo. Questo fattore è dinamico e dipende non solo dal peso, ma anche dall’età e dall’altezza di un individuo. Vi sono poi altri fattori che permettono un’analisi più precisa, come ad esempio la circonferenza dell’addome e lo stile di vita. In questo modo si può risalire alla quantità di calorie da assumere quotidianamente per stare in forma, mantenere il corpo in energia, e non ingrassare.

Cause dell’obesità

Le cause dell’obesità sono molte, e possono variare di soggetto in soggetto. Inizialmente, l’obesità si presenta come sovrappeso. Questa è una fase molto delicata, proprio perché se non affrontata in tempo può peggiorare fino ad evolversi in obesità e a quel punto richiedere uno sforzo ancora maggiore. Assumendo più calorie di quelle necessarie al corpo per il suo normale funzionamento, si causa un accumulo di adipe. Esso si deposita in varie zone del nostro corpo, in particolare su cosce, braccia e addome.

A volte è la stessa vita frenetica che, paradossalmente, ci porta ad uno stato di obesità. Ci sentiamo più pigri, seguiamo più malvolentieri una dieta sana, e lo stress ci porta a cercare conforto in cibo spazzatura. Dopo un’intera giornata passata in ufficio, nessuno si sentirebbe meglio mangiando broccoli o spinaci. Sono invece i cibi altamente grassi e calorici come frittura e cioccolato a permettere al nostro cervello di rilassarsi.

Un’altra causa molto importante è la mancanza di esercizio fisico. Ormai in pochi hanno il tempo di andare in palestra e, pur andandoci, ancora meno persone sanno con esattezza cosa fare. È infatti necessario bruciare und determinato numero di calorie, ma anche alternare cardio ad un tipo di allenamento diverso, per poter mantenere il corpo in forma.

Trattamento dell’obesità

Purtroppo non esiste nessuna cura predefinita per l’obesità. Quello di ripresa e riabilitazione è un percorso lungo, che richiede differenti approcci in base al paziente in particolare. Sicuramente il primo e più importante passo è quello di determinare le cause dell’obesità. Fattori ambientali, famigliari, alimentari e sociali… ci sono molti aspetti da considerare, e lo stesso paziente potrebbe essere vittima di una combinazione degli stessi. Generalmente, è importante prima indagare sulle cause psicologiche dell’obesità. È inoltre fondamentale capire quali siano le sue conseguenze sulla mente del paziente. Sentendosi in imbarazzo per la propria situazione, infatti, egli potrebbe essere meno incline a trovare una cura.

Trattamento dell’obesità

Una dieta equilibrata e del sano esercizio fisico seguiti da un personal trainer qualificato possono essere le chiavi del successo. Tuttavia, esse risulteranno vincenti solo se accompagnati da un’analisi della psiche del paziente. È soprattutto importante instillare la cultura del cibo sano fin da piccoli. Non è infatti un caso se siano soprattutto i bambini a soffrire di obesità. Merendine, cioccolata e altri cibi molto calorici sicuramente sono molto attraenti per i bambini, complice anche un marketing mirato solo per loro. Basti pensare ai fast food, che con buffe e colorate mascotte, ed omaggi con gli idoli dei bambini, fanno leva soprattutto sui più piccoli.

Ecco perché il trattamento principale per l’obesità nei bambini dovrebbe essere nell’esercizio fisico e nella cultura del cibo sano. Un bambino che impara cosa fa bene al suo corpo e cosa invece lo mette in pericolo, diventerà automaticamente un adulto che saprà scegliere cosa mangiare. Va sempre ricordato che l’obesità può portare alla morte. In casi molto gravi, i soggetti perdono la loro autonomia, e non gli resta che sottoporsi ad interventi chirurgici per ridurre le dimensioni dello stomaco. Il passo successivo sta in ulteriori interventi chirurgici, studiati per ridurre la pelle in eccesso nelle zone critiche, proprio lì dove l’adipe si era depositato in precedenza. Insomma, l’obesità è sicuramente un problema da non trascurare mai in nessuna circostanza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui