Infiammazioni – cause, trattamenti

L’infiammazione è un sintomo che può avere tantissime cose, sia banali infezioni Che malattie più gravi, così come può essere risultato di una lesione. L’infiammazione il segnale che c’è un’emergenza nel corpo. Vediamo come nasce e quali sono i sintomi dell’infiammazione. Infiammazione nasce dal fatto che le cellule immunitarie si attivano per difendere una minaccia presente nell’organismo. Infiammazione vuol dire che i leucociti si sono attivati, con il compito di liberare l’organismo dagli​ intrusi.

Come nasce l’infiammazione

Come nasce l’infiammazione?

L’infiammazione nasce dal fatto che il sistema immunitario introduce nell’organismo una serie di sostanze pro-infiammatorie, tra cui chemio treni, prostaglandine, trombossani. Di queste, le prostaglandine hanno un ruolo molto importante, perché rendono i vasi sanguigni più permeabili e più grandi, e per questo motivo la zona infiammata e gonfia e spesso si arrossa. I capillari che sono coinvolte nella zona infiammata, trasportano un fluido ricco di proteine e di cellule che hanno il compito di combattere il corpo estraneo. Questo è prostaglandine, inoltre rendono l’organismo più sensibile al dolore e più soggetto Alla sofferenza nella zona dell’infiammazione. Esistono anche dei casi in cui l’infiammazione è cronica, e che possano portare a malattie autoimmuni. Questo succede quando il sistema immunitario si confonde, E considera le proprie cellule come dei corpi estranei e per questo motivo mi distrugge. L’infiammazione cronica può essere molto pericolosa perché può causare sia danni ai tessuti che danni agli organi. Infiammazioni croniche portano allo sviluppo di malattie autoimmuni, come il lupus, oppure l’artrite reumatoide.

Per curare l’infiammazione, i principi attivi più utilizzati​ l’ibuprofene e l’acido acetilsalicilico, che sono utili sia per diminuire il processo infiammatorio che per alleviare il gonfiore, la febbre, e altri tipi di dolori, come ad esempio le articolazioni, dolori muscolari, mal di denti, mal di testa e dolori mestruali. ​

Quali tipi di infiammazione esistono?

L’infiammazione può riguardare qualsiasi tessuto o organo, le cause sono molto diverse, e possono comprendere ad esempio artrite, gastrite congiuntivite faringite eccetera. L’infiammazione causa arrossamento, dolore, gonfiore e bruciore. Le infiammazioni possono colpire l’apparato muscolo-scheletrico, oppure la cute e le mucose, così come vi possono essere infiammazione a causa del fatto che agenti patogeni esterni come virus batteri colpiscono i tessuti. ​le infiammazioni che riguardano la muscolatura degli arti inferiori o superiori possono dipendere da traumi ad esempio dopo una caduta o un colpo, oppure a un muscolo danneggiato, anche se lo si utilizza in modo troppo intenso o in modo scorretto. L’infiammazione arriva anche nel caso di una postura che si tiene in modo scorretto per troppo a lungo, in caso di movimenti bruschi, oppure in seguito a patologie infiammatorie croniche, come la gotta, o la fascite plantare. L’infiammazione che riguardano la schiena e il collo spesso prendono anche Difficili i movimenti. ​

Quali tipi di infiammazione esistono

Le infiammazioni che colpiscono la cute e le mucose, possono aversi In seguito a delle ferite esterne o interne, ad esempio nel caso delle afte in bocca oppure delle ulcere. L’infiammazione può venire anche se vi sono delle irritazioni da sostanze esterne specifiche, ad esempio quando si ha l’acidità di stomaco. Vi sono poi delle infiammazioni che vanno a colpire il sistema nervoso in modo localizzato, in particolare sono frequenti tra anziani e adulti, infiammazioni più comuni sono la lombalgia e la sciatalgia. La sciatalgia, in particolare è un’infiammazione del nervo sciatico, che inizia nella zona inferiore della colonna vertebrale, e colpisce anche il gluteo e i muscoli posteriori della gamba, spesso allungandosi fino ai piedi. In genere, lascia da algia colpisce un muscolo e una gamba per volta, ed è accompagnata da un dolore che rende molto difficile sia stare seduti che camminare.

L’infiammazione però non ha soltanto effetti negativi, anzi In molti casi è un sintomo molto utile perché è il segnale che qualcosa all’interno dell’organismo non va. Inoltre, grazie alle infiammazione che rende la zona dolorosa, il nostro organismo indica che è necessario stare a riposo, quindi un passaggio fondamentale per la guarigione. Esistono però, anche dei casi in cui la reazione infiammatoria è inutile o dannosa. Questo capita ad esempio in seguito a malattie allergiche come la dermatite, o malattia piumoni come la sclerosi multipla. È importante però scegliere bene i farmaci anti-infiammatori in base al tipo di infiammazione, che può essere locale o sistemica, a quanto sono intensi i sintomi, E al fatto se ci siano ferite o meno. Oltre ai farmaci antinfiammatori per via orale, esistono anche spray, cerotti, gel, e creme, che possono essere usati nel caso in cui non ci sono ferite nei abrasioni che ne rendono impossibile l’applicazione. ​

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui