Conservazione corretta degli alimenti in frigorifero

Conservazione corretta degli alimenti in frigorifero

La comodità e utilità di avere un frigorifero e il freezer per poter congelare il cibo la conosciamo tutti e infatti lo utilizziamo tutti i giorni e senza di esso non sappiamo nemmeno vivere. Uno dei problemi più gravi è sicuramente il fatto che tantissime persone non sanno che esistono delle regole vere e proprie su come conservare il cibo in maniera corretta. In questo modo si può essere sicuri che il cibo e gli alimenti che mettiamo da parte rimangono sani, nutrienti e che non potranno farci del male. Perché, se non lo sapevate, se il cibo non viene conservato bene, ci può portare più danni che benefici quando lo mangiamo.

Ognuno al suo posto

Ognuno al suo postoFare la spesa tutti i giorni non sempre è una cosa comoda e non abbiamo nemmeno tanto tempo a disposizione. Per questo tante volte andiamo solo due o tre volte alla settimana e ci prendiamo tutto il necessario senza dover uscire sempre. Tutta la frutta, verdura, salame, formaggi, latte o le carni e pesce vengono messe in frigorifero oppure direttamente in freezer. Lo stesso vale anche per i piatti che rimangono dopo le grandi festività come Natala o Pasqua, compleanni o altre feste. Se li conservate bene, potrete utilizzarli per un lungo periodo senza problemi e senza doverli buttare e sprecare il cibo. Ma lo sapevate che ogni alimento ha anche un posto specifico nel frigo, anche perché le temperature tra i diversi scaffali non sono identiche. Vediamo i consigli molto utili:

  • Latte, yogurt, fragole, prugne – vanno di solito posti nello scaffale più alto del frigo anche perché in questo punto la temperatura è un po’ più alta e i batteri dentro lo yogurt riescono a sopravvivere senza problemi
  • Formaggio, affettati, carne fresca – di solito va messa nello scaffale centrale. Qua vanno messi anche i piatti che uno prepara per la cena o pranzo e che possono essere riscaldati il giorno dopo. Gli alimenti nello scaffale centrale possono rimanere solo un paio di giorni e non di più
  • Frutta, verdura – si mette nello scaffale più basso oppure direttamente nei contenitori posti sotto dove la temperatura risulta essere più bassa in assoluto. Importante da sapere è che se la frutta o verdura viene lavata e poi rimessa nel frigo, si guasta più facilmente e allora anche la loro durata non supererà circa 2 giorni perché comincia a formarsi la muffa
  • Uova, salse, maionese, ketchup, senape, conserve – vanno messe nei piani laterali dove ci sono anche i contenitori per le uova e piccoli scaffali

Utili consigli

Utili consigliPer sapere come comportarsi con determinati alimenti, con le modalità di conservazione e con le loro proprietà, è opportuno leggere i seguenti consigli che possono risultare di grande aiuto per tutti quelli che vogliono essere sicuri che stanno facendo la cosa giusta. I cibi conservati in modo sano e giusto sono la fonte di energia necessaria per il nostro corpo e il nostro organismo in generale. Se invece non riusciamo a trattare bene gli alimenti, è possibile che possano formare dei batteri e sostanze nocive al loro interno che risultano dannosi per il noi.

  • Separare cibi cotti da quelli crudi – è sicuramente consigliabile metterli sugli scaffali lontani dentro il frigo e non in contatto diretto
  • Non lavare la uova crude – il guscio non va mai lavato anche perché se non lo sapevate contiene una barriera protettiva. Se viene lavato per poi essere messo in frigo, aumenta anche la possibilità che si guasti più velocemente e che venga attaccato da batteri. Di solito le uova conservate bene possono essere conservate per circa 2 settimane
  • Non congelare mai la stessa cosa due volte – una volta che decidete di scongelare un determinato alimento, quest’ultimo deve essere consumato subito. Non congelate mai due volte una cosa anche perché durante il scongelamento si formano dei batteri molto nocivi che poi vengono eliminati durante la cottura e con le temperatura molto alte. I batteri nocivi possono essere pericolosissimi per il nostro corpo e per questo bisogna fare tantissima attenzione
  • Utilizzare i contenitori – vanno utilizzati sia in freezer che il frigo di sotto. Non solo aiuta a conservare il cibo più a lungo ma allo stesso tempo di non far diffondere gli odori degli alimenti
  • Avvolgere nella plastica o alluminio – che fungono sempre da protezione sia per gli alimenti che per la loro durata. Sono molto comodi perché sono monouso e possono essere facilmente comprati in ogni supermarket
  • Pentole con il coperchio – i pasti già preparati è giusto che siano coperti in maniera adeguata con i loro coperchi e in maniera del tutto attenta

Prodotti possono essere congelati per un massimo di 12 mesi – da tenere in mente è che i prodotti che si congelano possono rimanere in freezer per circa 3 o 12 mesi (dipende dall’alimento). Per tenere tutto sotto controllo è consigliato mettere delle etichette con la data

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui