Ringiovanimento del viso oltre i Quaranta

Ringiovanimento del viso oltre i Quaranta

Prima o poi tutte ci arriviamo. A quella piccola ruga ai bordi della bocca, piuttosto che sulla fronte, o la temutissima “zampa di gallina” intorno agli occhi. Quella piccola ruga che di colpo ci fa sobbalzare davanti allo specchio perché la nostra pelle ci sta dicendo: “Guarda che non ce la faccio più da sola!”

E allora che fare? Ecco che si corre in profumeria, dall’estetista o dal medico pregando in ginocchio gli addetti ai lavori di rimuovere dal viso quei segni che, se clementi, ci ringiovaniscono, altrimenti ci regalano una sensazione di vecchiaia precoce. Non che ci sia nulla di male nella terza età, ma magari non anticipiamo i tempi!

Prevenire è meglio che curare. Sempre!

Prevenire è meglio che curare. Sempre!Non bisogna mai aspettare il quarantesimo compleanno per iniziare a prendersi cura del proprio corpo, viso incluso. Se consideriamo poi che tra le varie parti del nostro organismo il capo è quello, insieme alle mani, più esposto ad agenti atmosferici, alle aggressioni dei prodotti chimici e a eventuali lesioni. Ecco allora perché è fondamentale che iniziamo a giocare d’anticipo, evitando di strapazzare eccessivamente il corpo.

Come fare? Intanto curando la dieta: un regime alimentare corretto, bilanciato e vario fornisce all’intero organismo tutti gli elementi di cui ha bisogno per potersi conservare al meglio. Per conservare al meglio la pelle del viso è anche opportuno non fumare, non fare uso di droghe limitando anche il consumo di alcolici. Se poi l’esposizione al sole è di fondamentale importanza per la sintesi della vitamina D, è anche vero che non tutelare la pelle con un filtro solare espone la stessa a un invecchiamento precoce.

I trucchi della dieta

Anche se si dovrebbe iniziare sin dall’infanzia è bene, una volta raggiunti i temuti Quaranta, inserire nel nostro regime alimentare fonti di vitamina C ed E. Nello specifico la prima ha un effetto antiossidante (fondamentale per limitare l’invecchiamento precoce), la seconda stimola la circolazione (mantenendo intatta la struttura della pelle).

I trucchi della dieta

Un aspetto spesso sottovalutato è l’acqua: tra le principali caratteristiche della pelle “anziana” c’è la secchezza. Per questo motivo, oltre all’applicazione di creme nutrienti o antirughe, è fondamentale garantire al corpo (quindi anche al viso) la giusta quantità di acqua quotidiana. Quanto bisogna bere? Beh, dipende da vari aspetti a dir la verità (come per esempio particolari regimi alimentari o la temperatura esterna), ma in generale il consiglio dei medici è quello di attestarsi su un minimo di circa 2 litri al giorno.

I prodotti di bellezza

Tra i rimedi che le innovazioni tecnologiche anche in campo estetico, di fondamentale importanza per impedire l’invecchiamento precoce è l’utilizzo costante della crema antirughe, del tonico e della protezione solare.

Per quanto riguarda la crema antirughe, non è necessario scegliere per forza le grandi marche, anche per via del prezzo in molti casi troppo alto: bisogna sempre guardare l’INCI (l’indice degli ingredienti usati, tenendo presente che le prime sostanze dell’elenco sono quelle con la più alta concentrazione) e scegliere un prodotto in base all’età della pelle.

Un prodotto molto spesso sottovalutato, ma dagli effetti positivi sul mantenimento del tenore della pelle del viso anche dopo i Quaranta è il tonico: la sua funzione è proprio quella di contribuire alla tonicità del derma, prevenendone il fisiologico indebolimento.

I prodotti di bellezzaOgni epoca ha i propri canoni estetici e la nostra non fa differenza. Il problema è che una pelle eccessivamente esposta al sole (oltre a tutta una serie di altri inestetismi e patologie che possono svilupparsi) è soggetta a un invecchiamento precoce. Ecco allora che per mantenere la pelle tonica e giovane è consigliabile usare sia in estate che in inverno una protezione solare elevata.

Non va considerato per forza un vero e proprio prodotto di bellezza (sono numerose e facilmente praticabili le ricette fai-da-te), ma un buon peeling regolare contribuisce a ripulire la pelle dallo sporco e dagli agenti esterni che possono contribuire a peggiorare la salute del viso. Contemporaneamente l’azione del peeling stimola anche la circolazione e la rigenerazione cellulare dei tessuti.

Come abbiamo avuto modo di vedere, non bisogna temere l’arrivo dei quarant’anni: basta volersi bene e curare il proprio corpo nella sua interezza. Dopo tutto ne abbiamo uno soltanto e, per quanto i progressi medici e tecnologici facciano davvero passi da giganti, è bene non rovinarlo con le nostre mani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui