Problemi al seno: prevenzione e trattamenti

Problemi al seno prevenzione e trattamentiIl seno femminile è una parte molto delicata del corpo della donna e può essere interessato sia da patologie benigne che maligne. Per questo motivo è fondamentale monitorarlo con periodiche visite mediche, soprattutto dal momento in cui inizia il periodo fertile (caratterizzato da una perenne altalena ormonale) e ogni volta che una o entrambe le mammelle appaiono diverse dal solito. Cerchiamo di capire un po’ meglio allora quali sono i principali problemi al seno (non per forza potenzialmente letali), come fare prevenzione e una panoramica su quelli che sono i trattamenti collegati alle principali patologie.

Struttura della mammella

Il seno è composto da tre tipi diversi di tessuto:

  • una parte ghiandolare, costituita da circa 15 – 20 lobi, il cui compito principale è quello di produrre latte durante i primi mesi di vita del neonato;
  • una parte adiposa, che circonda le ghiandole;
  • una parte fibrosa, che delimita le divisioni interne della mammella.

Sulla sommità del seno c’è il capezzolo, una piccola protuberanza che racchiude altrettanti tubicini (definiti dotti galattofori) quanti sono i lobi mammari. Lo scopo di queste formazioni è quello di condurre verso l’esterno la produzione delle ghiandole mammarie, ovvero il latte.

Prevenzione

Fermo restando che un seno dolorante non è detto che debba per forza essere collegato ad una neoplasia della mammella, ovvero un tumore, è bene che la donna si rivolga ad un medico competente quando nota cambiamenti improvvisi nel colore, nella forma e nella temperatura della sua mammella. È di fondamentale importanza, dunque, che ogni donna conosca il proprio corpo e le sue abitudini per poter stabilire se c’è qualcosa che non va (un tipico esempio è l’ipersensibilità mammaria: disturbo senza conseguenze se avviene normalmente durante l’ovulazione o il mestruo, da monitorare se si riscontra al di fuori di questi periodi del mese). Per questo motivo è necessario periodicamente effettuare la cosiddetta autopalpazione, ovvero dei movimenti (gli stessi compiuti dai senologi) attraverso i quali è possibile percepire le strutture interne del seno senza supporti esterni, tipo l’ecografia.

Esistono però dei sintomi a cui le donne devono prestare particolare attenzione? Il primo passo è quello di confrontare tra loro le due mammelle, per vedere se ciò che ci insospettisce sia un carattere comune o meno. Se la caratteristica compare solo su un seno, allora è bene farsi visitare appena possibile. Vediamo insieme qualche sintomo che è bene non sottovalutare:

  • un nodulo che sembra essere diverso dagli altri, che è attaccato alla pelle o alla gabbia toracica, o che non scompare nel tempo;
  • un gonfiore che rimane inalterato anche se passano i giorni;
  • la cute a buccia d’arancia (come nel caso della cellulite sulle gambe), raggrinzita, a scaglie (specie intorno al capezzolo), rugosa o ispessita;
  • alcuni cambiamenti nella forma generale della mammella o del capezzolo.

Trattamenti

Prima di ricorrere a qualsiasi trattamento fai da te, è bene sempre rivolgersi ad un medico specialista, soprattutto nel caso in cui la donna sia già in età fertile. Due sono i professionisti di riferimento: il ginecologo, che si occupa in generale dell’intero apparato riproduttore femminile, e il senologo, specializzato in ambito mammario.

Tra i primi aspetti da verificare, prima di eventuali terapie, ci sono senz’altro:

  • sintomatologia: ovvero quali sono i sintomi, da quanto tempo la paziente ne soffre, eventuali ricorrenze (p.e. collegate con il mestruo);
  • gravidanza: già accertata o sospetta;
  • eventuali terapie farmacologiche in atto;
  • familiarità genetica con il tumore alla mammella;
  • eventuale documentazione medica precedente.

Successivamente il medico provvederà ad esaminare il seno della paziente (normalmente entrambe le mammelle, per avere un termine di paragone) e solo in una terza fase si forniranno delucidazioni in merito a terapie più o meno farmacologiche.

Il dolore e il tumore al seno

Tra i sintomi che possono spesso mettere in allarme una donna c’è senza dubbio il dolore al seno, anche chiamato mastalgia. Questa condizione, ad una o ad entrambe le mammelle, normalmente è caratteristica ad esempio dello stato di gravidanza, dei cambiamenti ormonali tipici del ciclo, di infiammazioni del tessuto mammario e di altri disturbi tutto sommato abbastanza innocui.

Solo in una piccola percentuale di casi la mastalgia si è rivelata essere sintomo di una neoplasia, per cui quasi sempre un tumore al seno si sviluppa senza che la donna provi dolore. Proprio per questo motivo è fondamentale per le donne in età fertile monitorare periodicamente il proprio seno, sia con l’autopalpazione sia ricorrendo al medico competente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui