Carie: cause, decorsi e trattamenti

Carie cause, decorsi e trattamenti

La carie è un’infezione che colpisce il cavo orale e nel lungo periodo porta alla distruzione dei tessuti duri del dente. Si tratta di una malattia molto comune che si stima colpisca almeno una volta nella vita circa il 90% della popolazione mondiale. Tra i fattori di rischio della carie possiamo annoverare l’età (soprattutto infantile e puberale), il sesso (maggiore è l’incidenza tra le donne, specie in gravidanza, rispetto agli uomini), la razza caucasica, il clima umido e una scarsa igiene orale.

Come tutte le patologie che affliggono il corpo umano, anche la carie se trascurata può portare a gravi conseguenze, come la perdita di numerosi denti e l’insorgere di infezioni anche in altre parti del corpo. Vediamo allora in questo contesto di capire più nel dettaglio come e perché si sviluppano le carie, il loro decorso ed eventuali trattamenti.

Carie: cause e fattori di rischio

La carie è un’infezione generata da diversi fattori che collaborano allo stesso tempo: alcuni di natura endogena (come età, sesso, razza, familiarità genetica, struttura dei denti) e altri di natura esogena (con particolare riferimento alla dieta, all’igiene orale e al tabagismo). Vengono colpiti esclusivamente i denti esposti all’interno della bocca, mai quelli completamente inclusi (quindi ancora all’interno della gengiva) o quelli chiusi da una capsula. Sebbene tutti i denti del cavo orale siano potenzialmente a rischio, i più esposti sono senza dubbio i molari, i premolari e gli incisivi superiori.

Carie: evoluzione della patologia

Carie evoluzione della patologia

Abbiamo già accennato al fatto che la carie è una infezione caratterizzata da una lenta progressione, che a volte può durare anche mesi o anni. I batteri causa di questo disturbo sono gli unici che possono intaccare i tessuti duri dei denti, rammollendoli prima di distruggerli. Vediamo allora a questo punto quali sono le fasi in cui ciò avviene.

Fase 1. Carie superficiale

In questo stadio la carie inizia a intaccare lo smalto, lo strato più superficiale e più duro del dente, demineralizzandolo. Il colore è simile al bianco del gesso e in alcuni casi tende al marroncino. Se trascurata in questo momento, la carie assume sempre più i contorni di una vera e propria patologia.

Fase 2. Carie penetrante

Nel varco aperto sullo smalto ristagnano, soprattutto in assenza di una corretta igiene orale, i prodotti acidi derivati dalla fermentazione degli zuccheri. In conseguenza di questo fatto, avendo ormai perforato lo strato più duro del dente, la carie si fa strada con più facilità attraverso la dentina e gli strati più morbidi del dente fino a raggiungere la polpa, ricca di vasi sanguigni e terminazioni nervose. L’intero procedimento tendenzialmente dura per un periodo variabile tra i 6 mesi e i 2 anni.

Carie: trattamenti utili

L’unica maniera per poter curare la carie è attraverso un intervento dentistico, supportato (qualora servisse) anche da una terapia antibiotica, considerando il fatto che i tessuti dentali non sono in grado di ripararsi da soli. Ovviamente si possono mettere in campo vari tipi di intervento, a seconda dello stadio in cui si trova l’infezione: con l’otturazione si chiudono fisicamente tutti i varchi aperti dalla carie nello smalto e nella dentina; la devitalizzazione interviene quando è iniziato il processo di demolizione della polpa dentale; l’apicectomia (la rimozione chirurgica della parte esterna del dente) e l’estrazione totale intervengono quando il dente è ormai irrecuperabile o quasi.

Carie trattamenti utili

A pensarci bene, però, il principale trattamento utile per combattere la carie è senza dubbio la prevenzione: lavarsi i denti tre volte al giorno, soprattutto dopo i pasti, con filo interdentale e collutorio, curare l’alimentazione evitando cibi ricchi di zuccheri e carboidrati, fare periodicamente i controlli dal dentista ed eseguire due volte l’anno la pulizia professionale della bocca sono tutti rimedi utili per poter prevenire l’insorgenza delle carie.

In caso di dubbi, perplessità e problemi si consiglia sempre di rivolgersi per tempo alle figure professionali di riferimento: il dentista e l’igienista dentale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui