Allergia allo sperma: sintomi e trattamenti per l’allergia allo sperma della partner

Allergia allo sperma sintomi e trattamenti per l’allergia allo sperma della partnerPartiamo immediatamente con il dire che l’allergia allo sperma, anche se può suscitare ilarità in chi non ne soffre, è una vera e propria patologia con conseguenze che possono essere anche gravi. Anche se è nota già da vari anni, i sintomi molto simili ad altre patologie (come vaginiti, malattie sessualmente trasmissibili o candidosi) e una reticenza a parlare della popolazione femminile riguardo a questo problema intimo, rendono molto difficile un censimento e una analisi approfondita di questa patologia. Senza pretese di sostituirci ai sessuologi, ai ginecologi e agli allergologi (che rimangono le figure mediche di riferimento), cerchiamo allora in questa sede di capire cosa sia l’allergia allo sperma, come riconoscerla e gli eventuali trattamenti da seguire.

Allergia allo sperma: caratteristiche principali

In sostanza, quando si parla di allergia allo sperma (o allergia seminale, o anche ipersensibilità al plasma seminale) ci si riferisce a una vera e propria reazione allergica alle proteine contenute nel seme maschile, che affligge soprattutto le donne e che si sviluppa non solo all’interno della vagina, ma in tutti i punti del corpo che entrano in contatto con lo sperma.

Allergia allo sperma caratteristiche principaliI sintomi compaiono dai 10 ai 30 minuti dopo il contatto e possono comprendere arrossamento, dolore, gonfiore, prurito e bruciore in tutte le zone interessate (non solo nelle parti intime). Solitamente la reazione passa nel giro di qualche ora o al massimo di qualche giorno. Tendenzialmente i sintomi interessano solo quelle parti del corpo entrate in contatto con lo sperma, ma può accadere che si estendano a tutto il fisico con orticaria, gonfiore, difficoltà respiratorie o anafilassi, una reazione allergica potenzialmente letale.

Allergia allo sperma: diagnosi e trattamenti

Come tutte le allergie, non esiste un motivo specifico dietro lo sviluppo di questa reazione: può capitare al primo rapporto sessuale; può capitare dopo aver cambiato partner; può capitare con lo stesso partner dopo un po’ di tempo. Fermo restando gli esami clinici, tra gli elementi fondamentali con cui si fa la diagnosi è la reazione fisica del partner quando viene utilizzato il profilattico durante il rapporto sessuale: se non ci sono reazioni, allora ci sono buone probabilità che si tratti effettivamente di allergia allo sperma. Di conseguenza si rischiano reazioni allergiche solo quando viene fatto del sesso non protetto con contatto diretto con il liquido seminale.

Allergia allo sperma diagnosi e trattamenti

Ovviamente per trattare questa patologia l’aspetto fondamentale è che non vi sia contatto diretto tra il seme e la persona allergica. Per questo motivo è fondamentale usare a ogni rapporto sessuale il preservativo oppure praticare il coito interrotto. Un’altra opzione in molti casi praticabile consiste nell’inserire ogni 20 minuti piccole quantità di liquido seminale diluito all’interno della vagina, ogni volta aumentandone la “purezza” fino a che la donna non riesca a sopportare il seme non diluito. Una volta raggiunto questo stadio, è opportuno che la coppia consumi dei rapporti sessuali entro 48 ore, per non perdere l’effetto raggiunto.

Come ulteriore precauzione contro lo sviluppo di episodi, potenzialmente mortali di anafilassi, è spesso prescritto alla donna l’uso di epinefrina (adrenalina). Questa sostanza, iniettata direttamente nel corpo, è in grado di bloccare la reazione di anafilassi inibendo direttamente la vasodilatazione, l’edema e la broncocostrizione.

Allergia allo sperma e concepimento

Se da un lato l’allergia allo sperma obbliga la coppia che vuole concepire a una brusca fermata, dall’altro è vero che questa patologia non compromette in alcuna maniera la fertilità. Di conseguenza è possibile tentare il concepimento con quei metodi, come la fecondazione assistita, con cui non c’è contatto diretto con lo sperma maschile.

Allergia allo sperma e alimentazione

Allergia allo sperma e alimentazione

Dalle ricerche effettuate sembra che ci possa essere una correlazione tra questo tipo di allergia e l’alimentazione. Come è noto che lo sperma sia influenzato dai cibi consumati dall’uomo prima del rapporto sessuale, così si sta rilevando una possibile correlazione tra determinati episodi di allergia seminale e il consumo di alcuni alimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui